Mercoledì, 22 Luglio, 2020

DANIELE MORABITO (FIM): <AI DIPENDENTI È CHIESTO SENSO DI RESPONSABILITA’ PER ACCOMPAGNARE LA CONVERSIONE VERDE DELL’AZIENDA>. ALESSIO NASONI (FELSA): <ANCHE I SOMMINISTRATI AVRANNO VOCE IN CAPITOLO»
1003 dipendenti di Vitesco Technologies Italy – in servizio negli stabilimenti di San Piero a Grado e Fauglia – sono chiamati, da questa mattina, a scegliere i propri rappresentanti rsu e rls per i prossimi anni.
Potranno esercitare il loro diritto di voto, in particolare, 904 dipendenti interni, chiamati a eleggere 4 Rls (Rappresentanti dei lavoratori della sicurezza, 2 per lo stabilimento di San Piero e 2 per quello di Fauglia) e 12  loro rappresentanti nelle rsu (rappresentanza sindacale unitaria) dei due stabilimenti, di cui 8 operai e 4 impiegati. Ma anche 99 dipendenti con contratto di somministrazione, chiamati ad eleggere 6 loro rappresentanti nelle rsu aziendali.
Le urne saranno aperte, per gli interni oggi – mercoledì 22 luglio – e domani – giovedì 23 luglio - dalle ore 12 alle ore 15 e dalle ore 21 alle ore 23, e ancora venerdì dalle ore 12 alle ore 15, mentre per i somministrati saranno aperte anche lunedì 27 luglio dalle ore 13 alle ore 15 e dalle ore 21.30 alle ore 22.30.
Vitesco è una delle maggiori aziende presenti nel territorio della provincia di Pisa. A settembre dello scorso anno il management aveva annunciato un piano di conversione all’elettromobility. Un piano lacrime e sangue accompagnato dall’annuncio di 750 esuberi – entro il 2023 - tra i due stabilimenti.
La ferma opposizione dei sindacati e l’intervento della Regione hanno mitigato (ma non definitivamente allontanato) il piano presentato dai vertici di Vitesco Tecnologies Operations. <Ma se vogliamo, nel medio periodo, salvare posti di lavoro – osserva Daniele Morabito (Fim) – dovremo accompagnare con senso di responsabilità il processo di riconversione industriale>. Una <riconversione> che anche la Regione Toscana ha deciso di accompagnare tramite Invest in Tuscany
Il fatto che anche i lavoratori interinali possano – in questi giorni - esprimere i loro rappresentanti nelle rsu aziendali è commentato con grande soddisfazione da Alessio  Nasoni della Felsa, la federazione della Cisl che si occupa della tutela dei diritti dei lavoratori con contratto di somministrazione. <Si tratta della seconda grande azienda in Toscana dove anche gli interinali - che si sentono partecipi della mission e del destino dell'azienda - hanno voce in capitolo>. Ci sarà da difenderli: solo nel periodo del lockdown a 150 di loro non è stato rinnovato il contratto, per cui la dotazione dei lavoratori con contratto di somministrazione si è ridotta da 250 a 100 persone.
 

Servizi Fiscali CAF

Via VESPUCCI 5 - 56125 PISA
Tel. 050 581001 - Fax. 050 518269

 

You Tube Video

You Tube Channel

GUARDA TUTTI I VIDEO
del nostro Canale You Tube

il Quotidiano della Cisl

la Tv della Cisl

Tesseramento CISL

Sportello Lavoro

EMERGENZA COVID-19

 

 

CISL FP: CORSO Regione Toscana

CGIL-CISL-UIL STOP VIOLENZA SULLE DONNE

DECRETO CURA ITALIA

Convenzione a livello nazionale per gli iscritti CISL

Convenzioni a livello locale per gli iscritti CISL