Mercoledì, 12 Febbraio, 2020

DA QUI AL 2023 -6 MILA DIPENDENTI E CENTINAIA DI SPORTELLI CHIUSI. EPPURE I DIVIDENDI SONO IN CRESCITA

E' il primo gruppo in Italia per patrimonio gestito e per fatturato. Stiamo parlando di Unicredit, che conta oltre 26 milioni di clienti e circa 89mila dipendenti in 32 paesi. Nei giorni scorsi l’amministratore delegato Jean Pierre Mustier ha comunicato ai sindacati l’intenzione di ridurre  – da qui al 2023 – il numero dei suoi dipendenti di circa 8mila unità. In Austria, in Germania, ma soprattutto in Italia, dove la forza lavoro si ridurrebbe di circa 6mila persone. Una parte di queste – da qui a gennaio 2024 – maturerà i requisiti per accedere naturalmente alla pensione. Per un’altra parte, comunque non lontana dall’età pensionabile, si prospettano, invece finestre di uscita.
Il piano non piace ai sindacati, che rilanciano invece la proposta di «almeno un giovane assunto per ogni collaboratore andato in pensione». First Cisl, in particolare, si dice preoccupata perché la scelta di Jean Pierre Mustier rivelerebbe l’intenzione sua e del gruppo di disimpegnarsi.

Del caso Unicredit e della salute del sistema creditizio in Toscana e in provincia di Pisa parlerà Corrado Giani, dirigente e regionale componente del centro studi nazionale della First, la federazione della Cisl che mette insieme bancari e agenti assicurativi. In collegamento telefonico interverrà Riccardo Colombani, segretario nazionale di First/Cisl

Servizi Fiscali CAF

Via VESPUCCI 5 - 56125 PISA
Tel. 050 581001 - Fax. 050 518269

 

You Tube Video

You Tube Channel

GUARDA TUTTI I VIDEO
del nostro Canale You Tube

il Quotidiano della Cisl

la Tv della Cisl

Tesseramento CISL

Sportello Lavoro

EMERGENZA COVID-19

 

 

CISL FP: CORSO Regione Toscana

CGIL-CISL-UIL STOP VIOLENZA SULLE DONNE

DECRETO CURA ITALIA

Convenzione a livello nazionale per gli iscritti CISL

Convenzioni a livello locale per gli iscritti CISL