Domenica, 6 Aprile, 2014

SCIOPERO DIPENDENTI UNIONE DEI COMUNI: BUONA ADESIONE

Poco meno di duecento poliziotti municipali, educatrici delle scuole dell’infanzia e addetti alla distribuzione dei pasti nelle mense scolastiche di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera e Santa Maria a Monte sono stati trasferiti all’Unione dei comuni della Valdera.

Ma il passaggio, come avevano previsto i sindacati alla vigilia, non si è rivelato indolore. Oggi Cisl, Uil e Dicapp hanno promosso una intera giornata di sciopero. Buona l’adesione all’iniziativa.

Dal primo mattino gli iscritti ai tre sindacati hanno presidiato gli ingressi della sede dell’Unione e hanno distribuito ai cittadini volantini dove si denunciavano i problemi sul tappeto.

Cosa è accaduto? «Accorpare servizi per ottimizzare le risorse è una buona idea – spiega Cinzia Ferrante, segretaria di Cisl Funzione Pubblica. Ma questo  passaggio porta con sé molte incognite che, a distanza di mesi dai primi contatti, non si sono risolte. Dipendenti di amministrazioni diverse percepivano – per la stessa mansione e funzione – salari anche molto diversi: abbiamo chiesto che si arrivasse ad una perequazione del salario accessorio, ma non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Al fondo per la produttività dell’Unione dei comuni della Valdera, altra voce che incide assai nella busta paga dei dipendenti, mancano 40mila euro».

Capitolo garanzie: in caso di scioglimento dell’Unione o di recesso di uno dei quattordici comuni partner dell’Unione, la normativa non garantisce il ‘reintegro’ del dipendente nell’ente che ha dovuto lasciare in questi mesi. «La riassunzione sarà possibile solo se l’ente locale avrà i soldi per fare questa operazione».

Ma in tempi di riduzione di trasferimenti – lascia intendere la sindacalista - si fa forte il timore che questi impieghi pubblici non siano più garantiti per il futuro.

Infine: «l’operazione, dicevamo, è stata pensata per ottimizzare le risorse. Intanto, però, per la gestione della struttura, l’Unione ha assunto tre nuovi dirigenti…». La promessa: «nei prossimi giorni chiederemo un incontro a tutte le forze politiche del territorio. Questo passaggio dei dipendenti dai comuni all’Unione è nato male. Proseguirà peggio?».

 

Servizi Fiscali CAF

Via VESPUCCI 5 - 56125 PISA
Tel. 050 581001 - Fax. 050 518269

 

You Tube Video

You Tube Channel

GUARDA TUTTI I VIDEO
del nostro Canale You Tube

il Quotidiano della Cisl

la Tv della Cisl

Tesseramento CISL

Sportello Lavoro

EMERGENZA COVID-19

 

 

CISL FP: CORSO Regione Toscana

CGIL-CISL-UIL STOP VIOLENZA SULLE DONNE

DECRETO CURA ITALIA

Convenzione a livello nazionale per gli iscritti CISL

Convenzioni a livello locale per gli iscritti CISL