Giovedì, 23 Gennaio, 2020

LA SODDISFAZIONE DEL SEGRETARIO NAZIONALE FIM-CISL FERDINANDO ULIANO: <LO ATTENDEVAMO DA DIECI ANNI>

Stanco, ma felice il segretario nazionale della Fim-Cisl Ferdinando Uliano. E ne ha buoni motivi: <Abbiamo ottenuto un importante e positivo risultato: dopo dieci anni abbiamo portato il contratto aziendale ad oltre 3000 lavoratori del Gruppo Piaggio> dice. Si tratta del <primo contratto aziendale di Gruppo dell’era Colannino, rivolto a tutti gli stabilimenti italiani di Piaggio, Aprilia e Moto Guzzi. Una trattativa molto difficile durata oltre due anni che ha dovuto fare i conti con la situazione di crisi che colpisce ancora i lavoratori con cassa integrazione, contratti di solidarietà e uscite incentivate di personale e con la contrarietà iniziale della direzione di fare l’accordo di gruppo>.

Con il primo accordo storico di gruppo - ricostruisce il segretario nazionale - abbiamo puntato a portare con il premio di risultato benefici economici al netto in busta paga. <Se il vecchio premio di fatto dava al lavoratore una cifra annua netta media di 760 €, il nuovo partirà, per effetto di aumenti, una tantum e detassazione, da un netto per il primo anno di 1.402 euro, per il secondo di 1.373 e per il terzo di 1.520. Il valore massimo del premio, se raggiunto, potrà portare ad un beneficio economico netto di 2.451 (3.000 lordi)>.

Dopo il voto di approvazione dei lavoratori, nel mese di aprile verranno erogati circa 400 euro, tra una tantum (360 euro) e differenza su anticipo primi due mesi (circa 40€). Il primo anno l’anticipo mensile sul premio sarà di 120€, il 2° anno di 140€, il 3° anno di 155€. Il premio variabile di 3.000 euro viene misurato su tre indicatori: redditività, produttività e qualità.

Ma c'è di più: <Con questo accordo entro il 31.12.2021 verranno stabilizzati con contratto a tempo indeterminato tutti i contratti part-time verticali che da oltre 10 anni erano presenti in azienda. Abbiamo poi rafforzato in azienda il diritto di precedenza all’assunzione a tempo indeterminato prevista dal CCNL, dei lavoratori a termine e in somministrazione che hanno prestato la loro attività in azienda>.

Quello da poco firmato <è il primo accordo in Italia che costituisce il comitato consultivo di partecipazione, coinvolgendo tutte le unità produttive e i vertici aziendali, dove una delegazione sindacale e della direzione si confronteranno sulle scelte strategiche industriali del Gruppo. La partecipazione dal basso, invece, vedrà compiti e ruoli nuovi delle Rsu nelle commissioni istituite in tutti gli stabilimenti sui temi della salute e sicurezza, pari opportunità, sull’organizzazione del lavoro, formazione professionale e welfare>.

Per prevenire e contrastare il fenomeno delle molestie sessuali, è stato sottoscritto un apposito protocollo di impegno congiunto che agisce su vari fronti <da quello culturale con azioni formative e informative, a quello di tutela delle persone vittime degli abusi, a quello sanzionatorio di contrasto ai comportamenti molesti>.

L’accordo prevede, poi, una serie di miglioramenti sulla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro. I permessi di recupero vengono portati da 6 a 8 ore, la flessibilità d’ingresso per gli impiegati di 1 ora e 15 minuti, viene prevista in 15 minuti per i part-time esperimentata in alcune aree operaie non collegate alla produzione. Le commissioni aziendali verificheranno, poi, la possibilità di sperimentare lo smart working e viene rafforzata la concessione di part-time orizzontale. E’ stato inoltre previsto una formazione specifica e-learning e iniziative volte a per favorire il rientro delle lavoratrici dai congedi di maternità.
<Abbiamo ottenuto un positivo accordo, respingendo anche alcune richieste aziendali che non condividevamo come l’introduzione di ulteriore flessibilità negli orari plurisettimanali o peggioramenti sul tema della presenza per la partecipazione ai premi aziendali.Illustreremo l’accordo ai lavoratori nelle assemblee che si svolgeranno nelle prime settimane di febbraio, per poi procedere all’approvazione dello stesso con il voto in tutti gli stabilimenti del Gruppo>.

Servizi Fiscali CAF

Via VESPUCCI 5 - 56125 PISA
Tel. 050 581001 - Fax. 050 518269

 

You Tube Video

You Tube Channel

GUARDA TUTTI I VIDEO
del nostro Canale You Tube

il Quotidiano della Cisl

la Tv della Cisl

Tesseramento CISL

Sportello Lavoro

EMERGENZA COVID-19

 

 

CISL FP: CORSO Regione Toscana

CGIL-CISL-UIL STOP VIOLENZA SULLE DONNE

DECRETO CURA ITALIA

Convenzione a livello nazionale per gli iscritti CISL

Convenzioni a livello locale per gli iscritti CISL