Da mesi e mesi il sindacato denuncia le difficoltà che i Vigili del Fuoco vivono anche in Toscana per assicurare le necessarie attività di soccorso tecnico urgente ai cittadini. E da giorni i comandi sono in allarme per lo stato di <allerta meteo>  diramata in regione; allerta prima di livello arancione, ora declassata a giallo ma mantenuta fino a questa sera.
E proprio dalla Toscana è arrivata nelle Marche la perturbazione che ha creato danni, distruzione, centinaia di persone sfollate e – purtroppo – persone ferite e decedute. Dall'alba di ieri dai comandi dei Vigili del Fuoco della Toscana sono partite squadre attrezzate per coadiuvare i colleghi delle Marche, < perché questo - osserva Massimiliano Del Sordo segretario generale Fns Cisl Toscana - è ciò che fanno i Vigili del Fuoco sempre, durante ogni emergenza che accade nel nostro paese, partendo senza se e senza ma, nonostante le difficoltà organizzative, nonostante siano pochi e spesso stanchi per il sovraccarico di turni svolti rinunciando a ferie e riposi; perché per questi uomini e donne il lavoro è una missione, una professione che non si fa se non hai dentro la passione e l'amore per fare al meglio cosa serve alle persone, ai cittadini>.
Proprio il giorno prima, i Vigili del Fuoco, da tutta Italia, erano a manifestare a Roma per <denunciare questa situazione e quanta disattenzione abbia dimostrato la politica fino ad oggi; una disattenzione che realizzata verso una istituzione quale è quella del Corpo nazionale VVF si materializza in  scelte contro i cittadini che invece amano i Vigili del Fuoco e che sperano che appena chiamati arriveranno; ed invece - se continuiamo così - non arriveranno più in tempo come servirebbe, come i cittadini si aspettano>.